Notti magiche…. In spiaggia per il “new-falò”

Si attende l’estate per le sue serate calde e stellate, che portano la voglia di rincasare il più tardi possibile per godersi la frescura della notte.
E in questo clima di libertà e allegria spesso ci si organizza per incontrarsi e festeggiare in spiaggia.
Perfetto, a patto che si rispettino le regole civiche e ambientali.
Il rituale da ripetere sembra essere sempre lo stesso: accendere un fuoco per scaldarsi dopo il bagno di mezzanotte e brindare con qualche birra ghiacciata….
Ma bisogna fare i conti con i divieti presenti oramai sulla maggior parte del litorale, oltre che con i rischi di infortuni da ustione e, non ultimo, il danno ambientale che ne consegue.
Come risolvere? In realtà si può creare la stessa atmosfera senza correre alcun pericolo.
Scegliamo lo spazio di spiaggia libera in cui ritrovarsi e arriviamoci al tramonto, quando c’è ancora luce, in modo da controllare che l’area sia sgombra da rifiuti sgradevoli (e nel caso, smaltiamoli correttamente!).
L’accensione di un vero e proprio fuoco comporta il pericolo di incidenti alle persone, fumo persistente e detriti fastidiosi per chi arriverà in spiaggia il giorno seguente. Senza parlare del rischio incendio, in caso la spiaggia non sia lontana da zone verdi…
Alta la probabilità che la serata finisca molto prima di iniziare: i divieti di falò sono ormai diffusissimi quindi, la nostra festa potrebbe interrompersi con l’arrivo della vigilante e lasciarci come ricordo, solo una multa…dal sapore di sale!
Preferiamo allora lampade ad energia solare, che avremo tenuto al sole tutto il giorno e che sistemeremo lungo il perimetro dell’area di festa. Basta qualche clic e l’atmosfera sauvage è assicurata, senza alcun pensiero!
Per scaldarci dopo il bagno basteranno balli e musica (che avremo scelto e portato con casse wi-fi).
Godiamoci pure brindisi e snack, ma ricordiamoci di portare via tutto e preferiamo vetro e carta alla plastica.
Buona estate a tutti!