Meglio questo uovo oggi… per un felice domani!

Le tre mosse vincenti per scegliere l’uovo di Pasqua veramente giusto!

  • Il cioccolato

Come sappiamo, il cacao viene importato da Paesi dove non sempre sono rispettate le regole inerenti alla deforestazione sostenibile, e dove spesso i diritti dei lavoratori non sono garantiti al meglio.

Un nostro gesto può contribuire a disincentivare queste pratiche sbagliate: al momento dell’acquisto facciamo attenzione all’etichetta posta sul prodotto. I criteri di sostenibilità ambientale e sociale sono assicurati da certificazioni come Rainforest, UTZ o Fairtrade.

  • La confezione

Luccicanti, colorate… ma ricordiamo che si tratta di plastica!
Meglio preferire confezioni, altrettanto simpatiche e colorate, ma in carta e cartone, oppure, per i più raffinati, in stoffa.

  • La sorpresa

Il momento più bello. Perché non renderlo anche “buono”?

Le cioccolaterie artigianali in genere si preoccupano di inserire oggetti realizzati evitando materiali nocivi o di dubbia provenienza. Meglio ancora sarebbe scegliere noi stessi un oggetto da far trovare nell’uovo, magari creato con le proprie mani. Se invece vogliamo ricorrere alle uova confezionate in via industriale, occhio all’etichetta, anche in questo caso: tante grandi marche hanno scelto sorprese artigianali, o realizzate con materiali riciclati.

In una Pasqua particolarmente difficile per tutti, non dimentichiamoci delle tante iniziative legate alla ricerca medica e alle associazioni benefiche che promuovono la vendita delle uova solidali.

Fare la scelta giusta per il pianeta: questa è la sorpresa più bella!